.

 

Non crediate che questa cenere sparsa sulle acque
limpide di Tavolara
significhi che una vita è finita.
  Oh quanto inutile sarebbe stata!

                       Girolamo Sotgiu

 Il Re di Tavolara

“Tu sei il Re di Tavolara“, gli disse Carlo Alberto prima  di congedarsi e gli promise che avrebbe riconosciuto il piccolo regno. ..

E’ la storia di un luogo, che, se pur davvero meraviglioso, è raggiungibile da tutti. E la storia di una famiglia che ne custodisce il ricordo ed è disposta a condividerlo con chi gliene chiede notizia.

L’isola è Tavolara.

Sul finire del 1700 Giuseppe Bertoleoni parte da Genova con la famiglia su una piccola nave da diporto e navigando verso Sud trova la splendida e disabitata isola di Tavolara. Qui si stabilisce, costruisce la sua casa e pone alcuni pastori a guardia delle numerose capre selvatiche che appartengono ad una razza particolare, caratterizzata dal colore dorato dei denti.
I Bertoleoni sono gli unici abitanti dell’isola. In base a ciò Paolo, figlio di Giuseppe, avanza dei ricorsi presso la casa reale di Savoia perché gli venga riconosciuta la proprietà e la sovranità sul suolo di Tavolara

Carlo Alberto di Savoia nel 1836 si reca personalmente a Tavolara con il panfilo reale per una battuta di caccia e per conoscere personalmente l’autore dei tanti ricorsi. Quando si incontrarono Carlo Alberto si presentò come il Re di Sardegna e Paolo Bertoleoni allora si presentò come il Re di Tavolara”. 

 
Dopo questo leggendario incontro con il Re di Sardegna la famiglia Bertoleoni si fregia dello stemma reale e si considera a tutti gli effetti sovrana dell’isola,  Dal re in persona ottiene rassicurazioni e dopo alcuni giorni gli viene recapitata, dalla citta di Tempio, una pergamena che lo riconosce come padrone assoluto e re di Tavolara.


Tonino Bertoleoni, l’ultimo Re di Tavolara,  difende la storia della sua famiglia da chi sostiene che sia solo una leggenda. Purtroppo non può portare come prova la pergamena che documenta la sovranità dei Bertoleoni perché questa è andata perduta, ma mostra con orgoglio nel suo ristorante, che si affaccia sulla spiaggia dello “Spalmatore di terra”, una copia della fotografia dei regnanti di Tavolara

Nel museo di Buckingham Palace, a Londra, è conservata la foto della famiglia reale di Tavolara, all’interno della collezione di ritratti delle famiglie reali di tutto il mondo, voluta dalla stessa regina Vittoria. Sotto la foto vi è la dicitura: “La famiglia reale di Tavolara, nel golfo di Terranova Pausania, il più piccolo regno del mondo”.

La favola del regno di Tavolara dura tutt’oggi e me ne sono accorta passeggiando in questo luogo incantevole, ammirando i colori del suo mare e delle sue rocce, passeggiando sulla sabbia bianca fino a quando l’istmo non arriva a misurare solo una manciata di centimetri e visitando, tra i gigli di mare, il piccolo cimitero, quasi invisibile dal mare, dove si trovano le tombe del primo re di Tavolara e dei suoi discendenti e familiari e quella di Girolamo Sotgiu, professore di lettere, che fin da ragazzo passava le sue estati su questa splendida isola e qui ha chiesto che fossero conservati i suoi resti.

.ultima modifica: 2007-08-09T21:12:03+02:00da onda_nuova
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “.

  1. Ma quante cose c’hai fatto notevoli, dedvo dire più che notevoli, davvero bello, passa da noi, divente anche tu un coolhunter!!!

  2. ciao gemellina…ti scrivo solo ora perche’ prima non riuscivo a mettere commenti da te…………
    bentornataaaaaaaaaaaaaaaaaaa come sta giulia????
    oggi staro’ tutto il giorno in ospedale con mio marito incrocia le dita per noi……… ciao cara un abbraccio grande grande terry

I commenti sono chiusi.