* A Marco…*

Te vedo ogni mattina perché stai sur comodino.
Poi, te rincontro quando che esco pe andà a lavorà
che ‘n'antra foto sta appiccicata sopra ar motorino
e così quando lo pijo è come si fossi tu che lo stai a guidà.


E proprio su du rote hai chiuso la partita.
Quer giorno…c'avevi pure er casco, tutt'a posto;
e chi poteva immagginà che ‘nvece sarebbe finita
perché sulla strada tua c'era ‘n'antro co' la moto, uno tosto…

Uno che senza rispetto per la vita de chicchessia, 
come si fosse della strada er signore e padrone,
s'è messo a camminà che ancora nun c'aveva avuto er via
e ha fatto ‘na strage…'sto gran cojone.

E semo rimasti noi, noi e tu' madre, tu' padre, tu' fratello…
Nun ce stanno più lacrime, nun ce so parole; ce sta lo strazio
de chi te vole bene; Marco sei sempre tanto bello
e sempre ner core pure si mo vivi in un artro spazio.
Ma ce lo sapemo che da lassù ce stai a guardà
e se pure stai fori da la vista, sei dentro ai nostri penzieri,
sei sempre uno de noi; ma che te lo dico a fa
tanto tu ce lo sai che domani te volemo bene più de ieri.

                                                            Gianni  

* A Marco…*ultima modifica: 2007-01-10T18:20:02+01:00da onda_nuova
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “* A Marco…*

Lascia un commento