* HO APERTO I CASSETTI…*

Ho aperto un po' di cassetti, per fare un po' d'ordine …
Sono strapieni quei cassetti…
Le sue cose sono rimaste tutte qui…
50 anni di vita sono rimasti qui…
Si è portato via solo i vestiti…
Qui ci sono le foto di quando era piccolo,
c'è l'orologio d'oro della prima comunione,
quello a cui teneva tanto e che gli aveva
regalato il nonno…
Ci sono i quaderni con le sue poesie ,
alcune le aveva scritte per me…
Gli appunti scritti durante il  corso da ufficiale,
i suoi libri, i suoi dischi, tutta la sua vita…
Ci sono sono le foto fatte insieme…
Quelle di quando eravamo ragazzini,
quelle con Federico piccolo,
quelle di quando abbiamo festeggiato
i 25 anni di matrimonio…
Ci sono i bigliettini che mi lasciava
sullo specchio la mattina prima di uscire,
con scritto TI AMO o altre cose carine
e che io ho sempre conservato…
Ci sono quelli che gli facevo trovare io,
nella tasca della giacca …
Anche lui li conservava…
Non bisognerebbe mai aprire quei cassetti,
ma io stasera l'ho fatto…
E non ho pianto disperata come tutte le altre volte,
ma ho avuto strana sensazione…
Per la prima volta…
Se  tutto questo è rimasto qui non è un caso…
Se ultimamente sono accadute alcune cose
non è un caso…
Io non credo al caso… Nulla accade per caso…
Ne riparleremo…
E intanto continuo a imparare a volare…
 

    I miei uomini, due anni fa…

Basta un niente, un nome, una calligrafia
perché ogni cuore ha una memoria tutta sua
si vede sempre dove strappi via una pagina
come ti fissa una fotografia di ieri
la stagione delle piogge arriva qua
alla stazione della mia malinconia
e scende il tiepido acquazzone di una lacrima
sull'ultima tua voce che ho in segreteria

mai più come te
nessun'altra mai
perché dopo te
io sì che m'innamorai
sempre più di te
quanto tu non sai
e anche senza te
c'è qui la tua assenza ormai
che amo come te

chiudo gli occhi e faccio buio dentro me
e la mia mente è come il treno delle sei
con cui ritorna a casa la tua cara immagine
in un silenzio che non puoi far stare zitto

non è tanto questa fine tra noi due
ma quanto quelle sue rovine dietro me

e accanto ai passi con cui pesto ombre di nuvole
quando esco a buttar via gli avanzi di poesie

mai più come te
nessun'altra mai
perché dopo te
io sì che m'innamorai
sempre più di te
quanto fu non sai
e anche senza te
c'è qui la tua assenza ormai
che amo come te

e com'è sempre tardi per amare
e l'amore è la pena da scontare
per non volere stare soli
e meglio è amare e perdere
che vincere e non amare mai

mai più come te
nessun'altra mai
perché dopo te
io sì che m'innamorai
e sempre più di te
quanto tu non sai
e anche senza te
c'è qui la tua assenza ormai ma
mai più come te

e com'è sempre tardi per amare
e l'amore è la pena da scontare
per non volere stare soli
e meglio è amare e perdere
che vincere e non amore mai

mai più come te
nessun'altra mai
perché dopo te
io sì che m'innamorai
e sempre più di te
quanto tu non sai
e anche senza te
c'è qui la tua assenza ormai

mai più come te
* HO APERTO I CASSETTI…*ultima modifica: 2006-01-24T23:18:08+01:00da onda_nuova
Reposta per primo quest’articolo

21 pensieri su “* HO APERTO I CASSETTI…*

  1. Qui subentra la paura di rovinare tutto, di bruciarti le ali appena spuntate ed allora…..sile nzio riempito dai sentimenti che traboccano, che ci insegnano cosa vuol dire amare, ma anche essere amati e cosa aggiungere se non che si avveri quello che diceva qualcuno….
    AMOR CHE NULLA AMATO AMAR PERDONA..di tutto cuore e perdona questo scemo.Buona notte con un augurio che investe le tre persone presenti nel tuo blog.

  2. Finché leggevo il tuo post mi è venuta il mente “mai più come te” e la pensavo come commento… poi la foto, e dopo la foto… la canzone! Mi hai commosso con “i tuoi uomini”. Sono d’accordo, nulla succede per caso… e tutto torna. Gil, intanto fortifichiamoci . Mille baci, io sto malaticcia, ma benone. Chiara

  3. Carissima Gil, ti scrivo dal lavoro, che sempre più mi assilla, e mi scuso ancora per la mia perdurante assenza dai posts. Purtroppo ho il motore umorale “imballato” e non riesco a trovare idee da scrivere, non che non abbia emozioni, solamente non riesco a metterle in parole. Grazie di essere passata, e di dimostrare sempre che si può davvero imparare a volare. Un abbraccio. Massimo

  4. Pensavo stessi riassestando i cassetti dove hai riposto i tuoi sogni . Trascurarti ? Perchè mai ? Bello il post . Sento che c’è qualcosa sotto che si sta muovendo . Belle anche le foto ! Non le avevi mai pubblicate ? Stai scalando la montagna . Lo sai che più riesci a salire in alto e più riesci a volare ? Potrei dire che c’è baruffa nell’aria o se ti può piacere di più , c’è musica nuova in cucina . Cosa stai preparando ? Un bacio ! E non dire mai più che non t’adoro ! Hai capito Magda ? Un bacio ! Sgnaps_________ ________________ _______________P orca mucca !

  5. Cara Gil…. è difficile sai non aprire più i cassetti…. in quei cassetti cìè in pezzo della nostra vita…. e come si fa a dimenticare un pezzo della propria vita? Io ho vissuto diversamente la tua situazione …. ma guardando quella foto dei tuoi due uomini è un pò vedere la foto dei miei due uomini…. mio figlio ed il mio ex marito…. sempre padri dei nostri figli e sempre uomini che abbiamo amato profondamente.. .. poi se il percorso della nostra vita doveva essere questo…. e va be… accettiamo…. dovevamo diventare farfalle, che ne dici…. Un bacio affettuoso,

  6. Ciao, mia cara.
    Ho appena visto le foto: te radiosa e lucente, il tuo bellissimo figlio e il tuo amore sofferente. Le tue parole mi fanno pensare, io sto tagliando l’ultimo cordone. Non ce la faccio a farmi maltrattare ancora, ma vorrei avere il coraggio di amare e perdere piuttosto che vincere ancora e non amare più. Ma la tua storia è stata decisamente più lunga della mia, ha creato un legame che potrebbe ritrovare vitalità e originalità. La mia dura da poco meno di un anno, per me (per lui, lo sai, è da più tempo) e non so che segni lascerà e che stimoli potrà portare. L’unica cosa di cui sono certa è che così non posso continuare.Ho perso più di un chilo in due giorni, la mia tensione è alle stelle e il panico soffoca dentro come il fuoco sotto l’acqua, lasciandomi senza respiro.
    Sono bellissime le tue parole, calde e affettuose, piene di un amore mai finito e, permettimi, che dà il senso del “per sempre”, quel per sempre a cui non riesco ancora a credere ma che so che esiste.
    Se Ugo mi vorrà trovare, sa come fare. Non sono così lontana, poi. Ma non posso più restare. Ancora una volta, purtroppo, sono costretta a fuggire. PEccato. NEl giardino dei miei sogni perduti sarò costretta a seppellire anche questo. Tu, invece, continua. Le premesse ci sono, e tu ci credi davvero più di me…
    Un bacio
    la tua amica

Lascia un commento